Energia solare e idroelettrica per illuminare le vette della Cina

da | 10 Nov 2023 | Energie rinnovabili

Un progetto altamente innovativo che unisce solare e energia idroelettrica per far arrivare l’illuminazione anche ad altitudini “impossibili” in Cina.

Nel cuore delle montagne della Cina di Bayan Har, nella provincia del Qinghai, si trova la sorgente del fiume Yalong, un maestoso corso d’acqua che percorre migliaia di chilometri per fondersi infine con il fiume Jinsha nella provincia del Sichuan. In mezzo a questa bellezza naturale mozzafiato, sta nascendo una nuova era di energia pulita, dove l’energia solare e quella idroelettrica convergono in perfetta armonia per portare energia alle vette più alte della Cina.

Sulla cima di una montagna innevata a un’altitudine di 4.600 metri nel Sichuan occidentale, sono state disposte file su file di pannelli fotovoltaici (PV) blu che sfruttano l’energia del sole, il tutto mentre il fiume Yalong ruggisce in lontananza, dando vita alla più grande centrale elettrica ibrida idrosolare del mondo.

Light Up the Land Where Solar and Hydro Meet at the World’s Largest Hydro-Solar Hybrid Power Plant

Quella che inizialmente può sembrare una distesa infinita di pannelli fotovoltaici blu è, in realtà, il Kela PV Plant Phase 1, un progetto pionieristico. Non è solo la centrale elettrica ibrida solare-idro più grande del mondo; è anche arroccato alla massima altitudine, a 4.600 metri e vanta una capacità installata totale di 1 GW, coprendo ben 16 chilometri quadrati.

A soli 50 chilometri da questo futuristico hub energetico si trova l’imponente diga di Lianghekou, una struttura alta 295 metri che domina il fiume Yalong. Questa enorme diga ha due scopi fondamentali: generare energia idroelettrica e controllare le inondazioni. Con una capacità installata di 3 milioni di kW e una colossale capacità di stoccaggio dell’acqua di 10,8 miliardi di metri cubi, contribuisce in modo indispensabile allo sviluppo delle energie rinnovabili nel bacino. Ciò che rende tutto ciò ancora più straordinario è che l’impianto fotovoltaico di Kela e la centrale idroelettrica di Lianghekou sono perfettamente collegati attraverso una rete di linee di trasmissione di energia da 500 kV, rendendo il sogno ibrido idro-solare una realtà.